Loops Risorse musicali Software

Magix music maker recensione, opinioni e tutorial

magix-music-maker-tutorial

Magix music maker è un software che permette di creare facilmente la tua musica, si tratta di un programma con molteplici funzioni, dalla registrazione di tracce audio, fino alla loro manipolazione con l’aggiunta di effetti. Offre in oltre tantissime funzioni per chi lavora tramite MIDI e l’opportunità di lavorare con loops ed aggiungere strumenti fantastici. Descrivere quindi Magix music maker in poche parole è praticamente impossibile, vediamo quindi una recensione completa cercando di scoprire tutte le potenzialità di questo software, molto potente e anche decisamente economico. Di Magix music maker esiste in oltre una versione completamente gratuita.

Introduzione Magix music maker

Magix music maker è un software che nasce moltissimi anni fa, ricordo che lo utilizzavo già almeno 20 anni fa quando uscirono le sue prime versioni. Già allora era un programma molto semplice da utilizzare ed anche molto economico. Rispetto ad altri software dello stesso tipo già allora era decisamente più economico, intuitivo e leggero. Allora come adesso insieme al software venivano offerti centinaia di loops suddivisi in strumenti, categorie ed tonalità. Seguitemi perchè già da subito capirete alcune cose su come funziona  Magix music maker. Grazie a questi loops è possibile infatti creare rapidamente delle basi molto belle!

Creare basi con i loops

I loops sono brevi frasi suonate da qualsiasi strumento che possiate immaginare. La particolarità del loop è che riproducendolo senza pause in continuazione sembra che non ci sia alcuna interruzione. Ad esempio un loop che suona un accordo di DO se lanciato singolarmente darà come risultato una chitarra che suona un DO e che si ferma (mi sembra logico), se lo lanciamo in continuazione sembrerà una normale chitarra che suona un accordo di DO senza mai fermarsi.

Esempio

Loop di basso che suona una sola volta
Lo stesso loop di sopra che si ripete 4 volte.

Se abbiamo quindi un loop di una chitarra che suona un accordo di DO, poi che con lo stesso tempo suona un accordo di RE, e infine di SOL, possiamo mettere in sequenza questi loops, ad esempio DO-RE-SOL ed avremo una chitarra che suona questi accordi DO-RE-SOL in modo continuativo e naturale senza assolutamente sembrare che sia una serie di pezzi uniti. Avremo creato quindi rapidamente una base di chitarra. I loops che abbiamo utilizzato sono suonati da professionisti, quindi in pratica avremo una base tutta nostra suonata da un vero professionista della chitarra, senza errori e sbavature!

Ma la cosa non finisce affatto qui. Possiamo aggiungere allo stesso modo altri strumenti, ad esempio un basso che suona DO-RE-SOL ed una batteria. In questo modo avremo già una base abbastanza completa.

Probabilmente ti starai facendo a questo punto alcune domande tipo: mica tutti i loop si sposano bene fra di loro? Ed in effetti hai perfettamente ragione, due loops di strumenti diversi per stare bene fra loro non solo devono suonare lo stesso accordo, ma devono suonarlo con lo stesso tempo, alla stessa velocità ecc. Per questo motivo se non vuoi troppo manipolare un loop nascono i soundpool.

Cosa sono i soundpool

I soundloop sono dei “pacchetti di loops” che stanno bene insieme, un soundloop può comprendere suoni di chitarra, basso, fiati, batteria ecc. Utilizzando loops da uno stesso pacchetto di soundloop dovremo solo stare attenti alla tonalità dell’accordo, perchè il resto andrà già bene. Creare una base con un soundloop è quindi un gioco da ragazzi. Se andremo a sovrapporre due loop che armonicamente non vanno bene, ad esempio una chitarra che suona di DO con un basso che suona in SI, Magix music maker farà comparire una finestra di avviso, dove ci ricorda che il brano potrebbe non essere armonicamente gradevole.

Avviso errore di tonalità

A questo punto occorre una precisazione. Un loop non è detto che sia composto da uno strumento che suona un singolo accordo. Un loop può essere anche una sequenza di accordi, ad esempio DO, SOL, RE, che mandati appunto in loop si ripetono all’infinito. In altri casi un loop può essere composto da una frase in una determinata tonalità.

Prima di vedere in pratica come si usa Magix music maker vediamo come scaricarlo ed installarlo. In pochi sanno infatti che esiste una versione completamente gratuita con cui è possibile fare diverse prove e creare anche brani completi.

Magic Music maker download free gratis

Music maker download free
Music maker download free

Per fare il download free di Magix music maker occorre andare al seguente link, selezionate Music Maker e e cliccare sul pulsante verde “Avvia download” accanto alla scritta “Gratis”. Verrà scaricato un file che dovrete poi cliccare per lanciare l’installazione.

Installazione Magix music maker

Abbiate pazienza perchè l’installazione pure non occupando molto spazio del vostro PC necessita di un pò di tempo. Con la versione free avremo:

  • 425 sound & loop gratuiti
  • 4 soundpool extra gratuite
  • 3 strumenti gratuiti
  • 8 effetti gratis
  • Supporto multicore
  • 8 tracce

Insomma tutto il necessario, non solo per imparare e per prendere la mano con Magix music maker, ma anche qualcosa per poter creare la vostra prima composizione. Una volta installato potremo lanciarlo e vedere finalmente come si usa.

Magix Music maker come si usa

Come dicevamo per scoprire tutti i modi per utilizzare Magix music maker occorre molto tempo,con questo articolo faremo una panoramica mettendo in risalto i punti di forza del software, successivamente in altri articoli andremo più nello specifico.

Come abbiamo detto nel paragrafo precedente la versione free di Magix music maker offre 8 tracce. Le altre versioni ovviamente di più. Ciò vuol dire che potremo sovrapporre fino a otto strumenti. Ma cosa possiamo mettere su ogni traccia? Possiamo ad esempio inserire un loop che si ripete, un loop preso dal nostro soundpool, oppure registrare una nostra chitarra o la nostra voce. Infine è possibile aggiungere tracce registrare tramite il midi e assegnare alla traccia uno strumento della libreria di Magix Music maker. Ovviamente possiamo mixare tutto nel senso che possiamo mettere su una traccia ad esempio un loop, su un’altra una nostra chitarra ed infine una traccia midi. Insomma serve solo un pò di creatività.

Per aggiungere un loop, basta selezionarlo dalla scheda soundloop e trascinarlo in una traccia. Per registrare midi o audio dobbiamo cliccare sulla relativa traccia e selezionare REC. Cliccandoci una volta lo abiliteremo alla registrazione audio, con un ulteriore click a quella midi.

Magix music maker tutorial italiano

Mettiamoci quindi all’opera e creiamo la nostra prima composizione utilizzando ad esempio solo il soundloop. Apriamo Magix music maker. Nella finestra che apparirà clicchiamo su “Nuovo progetto”.

Come potrete vedere si apriranno quattro tracce e la prima sarà settata di default sul piano MIDI. A noi poco ci interessa. Clicchiamo con il tasto destro sulla prima traccia e selezioniamo cancella traccia.

A questo punto possiamo iniziare. Sulla destra avrete una TAB con quattro voci:

  1. Loop
  2. Strumenti
  3. File manager
  4. Store

Teniamo in evidenza la TAB loop. Questa ci mostrerà a sinistra il soundloop che vogliamo utilizzare. Nella versione free avremo solo Music Maker – feel good. Sulla destra gli strumenti contenuti nella soundloop selezionata, nel nostro caso gli strumenti contenuti in Music Maker – feel good. Il numera indica il numero di loop contenuti per quello strumento.

Teniamo in evidenza la TAB loop

Altra voce importante è “Tono” suddiviso in (1,2,3,4,5,6,7). Tutti i loop del tono 1 staranno bene fra loro. Ovviamente escludendo batteria e percussione che stanno bene sempre.

Iniziamo proprio dalla batteria, selezioniamo Kitty Compress da “Drums” a e trasciniamolo all’inizio della traccia 1. Premendo play sentiremo una super batteria che suona. Come noterete suona solo pochi secondi, mentre a noi serve che duri almeno un pò. Posizionandosi con il mouse sul lato destro del loop potremo allungarlo. Allunghiamolo fino ad almeno 10 secondi.

Spostiamoci ora sulla seconda traccia e da tono 1 Bass, inseriamoci Rolling bass A. Allunghiamo il loop del basso fino ad avere la stessa lunghezza della batteria. Facciamo la stessa cosa con Keys, prendendo sempre da tono 1 Right Piano B.

Infine aggiungiamo un pò di voce. Andiamo in vocals e aggiungiamo MrRight Bridge A. Come vedrete trascinando il nuovo loop Magix music maker creerà in automatico la traccia 4 che mancava. Il risultato dovrebbe essere come in figura.

Magix music maker tutorial italiano
Magix music maker tutorial italiano

Premiamo play e come potrete sentire avremo già un gran bel brano. Possiamo continuarlo ad esempio mettendo dopo questo loop presi dal tono 5 e poi ritornare in 1. Possiamo in oltre pensare di togliere la parte della voce e inserire una voce registrata e inventata da noi.

Non abbiamo fatto sicuramente un lavoro molto originale, ma abbiamo comunque cominciato a capire il funzionamento di Magix music maker e soprattutto abbiamo capito la potenza dei soundloop.

Adesso è il momento di fare un pò di pratica, abbiamo utilizzato solo 4 tracce delle 8 della versione free. Ne abbiamo ancora 4 libere. Il mio consiglio è di provare ad inserire altri strumenti ricordando sempre che per una buona riuscita bisogna sovrapporre loop appartenenti allo stesso tono. Fanno eccezione le batterie (drums) e le percussioni. Forza mettetevi alla prova!

Strumenti avanzati – manipolare il loop

Abbiamo visto come sia semplice “allungare” un loop per farlo ripete il numero di volte che vogliamo. Esistono però altre interessanti funzioni che si possono applicare rapidamente su un loop.

Clicchiamo ad esempio con il tasto destro del mouse sulla seconda traccia del nostro progetto, quella relativa al basso. Si aprirà un menù molto interessante. Come vedete alla voce “volume” potremo impostare il volume del singolo loop, ma ancora più interessante è la voce del menù “Tonalità & tempo”. Come già visto abbiamo inserito la traccia di basso prendendolo da Tone 1, quindi il loop inserito sarà un in DO.

  • Tone 1 – DO
  • Tone 2 – RE
  • Tone 3 – MI
  • Tone 4 – FA
  • Tone 5 – SOL
  • Tone 6 – LA
  • Tone 7 – SI

Dal menù “Tonalità & tempo” potremo cambiare la tonalità del loop, passando ad esempio da 1 a 5, quindi da DO a SOL. Avremo quindi il medesimo fraseggio, ma con tonalità diversa.

Altra voce interessante è quella FX audio, cliccando su questa voce potremo accedere agli effetti disponibili da aggiungere al loop. Ad esempio potremo equalizzare il suono, oppure inserire il compressore o l’eco.

Conclusioni

Abbiamo visto in questo articolo come installare e configurare il primo progetto con Magix music maker ed in particolare abbiamo scoperto la potenza dei loop e dei soundloop. Non abbiamo praticamente registrato nulla di nuovo e siamo stati in grado di creare una base composta da diversi strumenti in modo estremamente rapido. Abbiamo visto in oltre come cambiare di tono ad un loop e come aggiungervi effetti audio. Nel prossimo articolo vedremo come utilizzare gli strumenti tramite il MIDI.

Magix music maker opinioni

Non abbiamo ancora scoperto tutte le potenzialità di Magix music maker, ma questo potente software ha molti punti a suo favore. E’ sicuramente semplice da utilizzare, probabilmente il più semplice sul mercato. Estremamente potente se si vogliono utilizzare i loops per creare musica. Ottimo quindi per chi si avvicina per la prima volta a queste tipologie di programmi. Ricapitolando:

Positivo:

  • Economico costa davvero poco
  • Disponibile anche in versione completamente gratis
  • Semplicissimo da utilizzare
  • Perfetto per lavorare con i loops
  • Permette di registrare audio
  • Permette di lavorare con il MIDI
  • Software estremamente leggero
  • Possibilità di acquistare a parte strumenti e loops

Negativo:

  • Non adatto per lavori molto professionali

About the author

admin